Processo civile e pregiudizialità parlamentare

16439679201_2e8153e29a_o-1920x1234
16439679201_2e8153e29a_o-1920x1234

L’autore esamina l’applicazione dell’art. 68 Cost. come modificato nel 1993
e della legge n. 140/2003 di attuazione di tale disposizione nel processo civile, analizzando in particolare l’ipotesi in cui in un giudizio di risarcimento danni per diffamazione a seguito di dichiarazioni rese da un parlamentare, anche a mezzo stampa, viene eccepita l’insindacabilità delle espressioni usate dal parlamentare.
L’autore pone in evidenza che la deliberazione della Camera che dichiara
l’insindacabilità dell’opinione espressa dal parlamentare non consente al
giudice civile di decidere diversamente, potendo questi solo sollevare il conflitto di attribuzioni dinanzi alla Corte costituzionale, con sospensione del processo.

CLICCA PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO

Trisorio-Liuzzi-GPC_2020-3

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Articoli consigliati

Cassazione penale, 28 gennaio 2021 n.9122

La Suprema Corte affronta in modo inedito il tema del rapporto tra l’autorità giudiziaria penale e i giudici amministrativi nel procedimento di controllo giudiziario volontario

Richieste di consulenza ed assistenza

Compila il form e verrai ricontattato entro 24 ore da un nostro consulente specializzato.